Scriviamo

Libreriamo

Un luogo libero dove mettere alla prova il proprio talento di scrittore attraverso la pubblicazione di storie brevi. Un’opportunità per gli appassionati scrittori di mettersi alla prova e dare visibilità dei propri lavori a lettori e case editrici. Clicca qui per partecipare attivamente con i tuoi racconti brevi e condividerli con gli altri.

La lista della spesa - di Andrea Martina

La lista della spesa – di Andrea Martina

Ho trovato la lettera di mia moglie sul tavolo della cucina dopo essere tornato da Londra. Non l’ho nemmeno aperta e ci ho girato attorno per buona parte della mattinata. Verso le undici ho afferrato la busta tra pollice e indice, tenendola a una certa distanza, quasi fosse un brutto insetto che dopo aver arrancato sul tavolo sporco di briciole… Leggi tutto

Un giorno ti rivedrò - di Alfonso Iannello

Un giorno ti rivedrò – di Alfonso Iannello

Un giorno ti ho ritrovata in fondo al cuore tra un ricordo dolce e tenero e la voglia di viverti finalmente. Ricordo quel bacio non dato e quell’ istante che allora sembrò eterno ma che a ripensarci ora fu troppo fuggente, lasciai che la voglia di te sopraffatta dalla razionalità. Non ne parlammo mai perché tu eri sacra ed inviolabile… Leggi tutto

Nessun luogo - di Giacomo Ricchitelli

Nessun luogo – di Giacomo Ricchitelli

Ci sono ancora ragazzi che la sera vanno ai “calci in culo” per passare qualche momento di divertimento. Non lo avrei mai detto. Invece eccoli lì, dall’altra parte della strada, intenti a tentare di afferrare quella specie di coda di cavallo che dà diritto ad un giro gratis. Sono contento, anche se a vedermi non credo si direbbe: seduto su… Leggi tutto

Il sapore dell'addio - di Emanuele Turnu

Il sapore dell’addio – di Emanuele Turnu

Mi massaggiai la guancia mentre la osservavo, interdetto. Il suoi occhi erano brace viva, il suo sguardo era incandescente come lava mentre dalla sua bocca eruttavano miriadi di parole come una pioggia di lapilli. Bruciavano sulla pelle. A volte il dolore neanche arrivi a sentirlo. Sei sopraffatto dallo stupore. Non ti saresti mai immaginato che lei avrebbe mai potuto dirti… Leggi tutto

Una notte stellata - di Francesca Palumbo

Una notte stellata – di Francesca Palumbo

Mi dicevi che nascere è come vincere alla lotteria e che chi ha avuto questo grande privilegio ha anche la gran sfortuna di dover morire. Dicevi sempre che la morte è naturale e che occorre affrontarla con serenità. Facile a dirsi… Vedere agonizzare chi ami è devastante . E tu lo sapevi bene. I miei occhi bambini rivedono il tuo… Leggi tutto

Quell'albero - di Enrico Madonia

Quell’albero – di Enrico Madonia

Quell’albero può darti i suoi frutti da gustare, I suoi semi per farne altri e averne un profitto, Può darti riparo dalla pioggia e ombra d’estate, Ti permette di costruire una casa per farti sentire sicuro, Può darti le sue foglie per farci un morbido giaciglio, Ti fa rilassare col suono dei venti che lo attraversano, Ti permette di potarlo… Leggi tutto

La notte porta consiglio - di Noemi Desogus

La notte porta consiglio – di Noemi Desogus

Mi hanno sempre insegnato che la notte porta consiglio. Ma ho scoperto da me che la notte porta pensieri, soluzioni ai problemi e talvolta problemi stessi. Ma torniamo all’inizio di tutto questo: Era il quattro febbraio quando lo incontrai. Non è la classica storia d’amore dove si incontrano, prendono un caffè assieme, si baciano, si amano, si sposano eccetera. No…. Leggi tutto

la fine di un nuovo inizio

La fine è un nuovo inizio – di Christiana Marinas

Capitolo 1: Quasi reale Ad ogni passo un mucchio di polvere tendeva ad alzarsi in aria sparendo nell’oscurità senza avere il tempo di assaporare l’unico momento di gloria della sua esistenza. Il corridoio infinito, e l’aggettivo non era usato a caso perché quel percorso era davvero senza fine, era illuminato dall’alto, come se piovessero fiamme. Nulla rendeva però possibile identificare… Leggi tutto

Il Matto - Racconto breve di Massimo Castellani

Il Matto – Racconto breve di Massimo Castellani

C’era una volta un uomo che aveva vissuto per tutta la sua vita sotto un albero e non si era mai spostato da lì sotto, sia con la pioggia sia con il sole lui rimaneva seduto lì; immobile. La gente del paese lo chiamava il matto o l’esaurito oppure sfaticato ed incosciente e per questo, nessuno gli rivolgeva la parola… Leggi tutto

Page 18 of 18
1 16 17 18
Utenti online